SEO Per Dummies: Ottimizzare WordPress Per I Motori Di Ricerca In 8 Punti

Sino a poco tempo fa erano sufficienti contenuti unici e rilevanti per emergere dalla blogo-massa, purtroppo oggi non basta più.

I motori di ricerca richiedono una attenzione sempre maggiore con strategie precise.

First

Ignorare queste necessità significa rimanere invischiati nell’anonimato della massa, anche se contenuti di livello superiore. In questo guest post Giovanni Manca di Informatica Pratica ci propone alcuni consigli per l’ ottimizzazione SEO di blog in particolare ospitati su WordPress.


  1. Contenuti originali
    sono la cosa più importante. Avere contenuti unici e originali significa stupire i visitatori ed accontentare i motori di ricerca.

    La maggior parte delle visite del nostro blog proviene dai motori di ricerca, avendo contenuti unici e di qualità incrementerete le visite provenienti dai motori, su questo dovrete lavorare. 

    Google ad esempio possiede gli strumenti per accorgersi di un eventuale copia. Questo significa che se copierete due righi da un altro sito o blog Google se ne accorgerà  e questo non è un buon inizio.  

  2. Link in uscita
    I link sono alla base di internet, sono necessari e utili per i visitatori, per questo non dovrete mai linkare siti spam o poco attendibili, gli spider dei motori di ricerca seguiranno i link e non saranno contenti se si ritroveranno in una pagina spam. Per risolvere tale problema Google ha introdotto l’uso del tag rel ="nofollow":  significa non seguire questo link ed in un certo senso vi scaricate la responsabilitò del sito linkato.

  3. I link interni
    hanno un alto valore per Google e per i motori di ricerca. Quando scrivete un post non è utile linkare risorse fuori tema. Google ha anche espressamente detto di non inserire più di 100 link per pagina per il semplice fatto che una pagina contenente centinaia di link perderebbe il suo valore richiederebbe moltotempo per il caricamento. Se avete pagine contenenti enormi liste di link, toglietele, non servono a niente e i motori non vi vedranno di buon occhio.

  4. Google e Adsense
    State per monetizzare il vostro blog e cercate disperatamente un network pubblicitario per farlo? Adsense non è compatibile con tutti i tipi di contenuto: prima di procedere  informatevi bene sui termini d’uso, altrimenti rischierete di essere bannati. Utilizzate il nofollow ogni qualvolta che è necessario, a maggor ragione quando si tratta di pubblicità e affiliazioni.

  5. Aggiorna spesso i contenuti
    Come già detto al punto 1 a Google ed a tutti gli altri motori di ricerca piace trovare contenuti originali e rilevanti, il motore di ricerca vi noterà ogni voltra che il suo spider e troverà contenuti nuovi ed a lungo andare acquisterete la "fiducia dei motori di ricerca" (trust rank). Meno il sito verrà aggiornato, meno lo spider di Google passera per verificare la presenza di nuovi contenuti, facendovi scivolare sempre più in basso nelle SERP.

  6. Social Network
    sono utili, ma non sempre. Per sfruttare al massimo i social network, gli aggregatori e tutti i vari siti che permettono di generare traffico segnalando le proprie notizie dovrete disporre di un blog già avviato, con molti backlink e ben messo in serp.
    In caso contrario vedrete le vostre stesse notizie postate nei social precedervi nei risultati di ricerca, con i vostri  post in fondo alle serp o, peggio ancora, nei risultati omessi.
    Questo accade principalmente perche l’aggregatore o il sito sociale che utilizzate è ben visto da google (ha un trust rank maggiore), e preferisce dare maggiore rilevanza alle sue pagine rispetto alle vostre, anche se ospitano la notizia originale.
    Quindi ricapitolando, se il vostro sito non è ferrato in merito a backlink e trust rank io vi sconsiglio di utilizzare gli aggregatori, vi ritroverete in brutte situazioni dal quale è molto difficile uscire.

  7. Sapere come Google vede le tue pagine: Lynx
    Stiamo parlando di un browser, si tratta infatti di un particolare navigatore che permette di analizzare il proprio sito o blog come se lo stesse analizzando lo spider del motore di ricerca. Utilizzando Lynx potrete accorgervi facilmente se la navigazione del vostro sito è scomoda (e quindi infastidisce i motori) ed eventualmente ricontrollare la struttura per risolvere il problema. Lynx permette di vedere il vostro sito sotto molti aspetti che normalmente non avreste mai notato, questo vi permette di accorgervi di alcuni piccoli problemi a cui non avreste mai fatto caso, come i megamenu (vedi punto 3).
  8. Struttura permalink
    sono molto importanti per il posizionamento: avere un indirizzo per i propri post seo-friendly sicuramente vi agevolerà nelle serp. Su WordPress di default i permalink sono di questo tipo: www.tuosito.com/13/12/09/titolodelltuoarticolo o peggio ancora www.tuosito.com/gfkrwefrgt?sdfg75.

    Questi due esempi di permalink non sono il massimo per avere visibilità all’interno della serp, io vi consiglio una struttura del tipo: www.tuosito.com/titoloarticolo. Per avere tale strutta esistono appositi plugin SEO per WP che vi permettono di modificare quella esistente senza perdere i backlink accumulati. In alternativa è possibile creare un redirect 301 che vi permettera di cambiare struttura dei permalink senza perdere il posizionamento con i vecchio URL.

Informazioni sull’autore


Se ti è stato utile potrebbero interessarti anche:

Commenti

  1. Andrea scrive:

    Per quanto riguarda i link in entrata?
    E’ vero che non solo sono importanti, ma è importante che l’anchor text con cui ci linkano sia una delle keywords del nostro sito / blog?

    1. ikaro scrive:

      Penso che Giovanni abbia voluto elencare i punti sotto diretto controllo del blogger. Cmq i link in entrata sono forse la cosa più importante per valorizzare contenuti autorevoli

  2. ikaro scrive:

    Riguardo i backlink segnalo questo ottimo guest post sul blog del Tagliaerbe
    http://blog.tagliaerbe.com/2009/02/come-trovare-buoni-backlinks-in-5-semplici-passaggi.html

  3. Giovanni Manca scrive:

    I backlink sono alla base del posizionamento di un sito web, se con anchor text giuste e provenienti da siti di qualità è ancora meglio.

  4. Concordo sull’utilizzare con cautela soprattutto i social network; perlomeno su progetti ancora giovani e non ben posizionati rispetto ai soliti “colossi” di social sharing.

  5. Ciao Ikaro,
    riguardo al punto 6 aggiungerei che i migliori social network o aggregatori di news sono quelli che rimandano direttamente alla news come oknotizie, in modo da evitare la duplicazione dell’articolo.
    Sono d’accordissimo anche sul loro utilizzo, infatti anche io penso che sono utili quando si ha blog “appena nato” magari senza pagerank e senza parecchi backlink, ma quando poi il blog è in grando di camminare con i proprio piedi se ne puo anche fare a meno….

    Saluti Luigi

  6. ikaro scrive:

    @Luigi @Francesco

    ultimamente anche io li sto usando molto meno. In particolare ho smesso di usare i servizi di social bookmarking per una constatazione molto semplice: la diffusioni di contenuti è se vogliamo un utilizzo improprio per questo tipo di strumenti.

    Se i nostri contenuti sono interessanti allora saranno i visitatori a diffonderli, se non lo sono è inutile che diventiamo pazzi per mandarli a destra e a sinistra; nessuno li noterà.

  7. Infatti sono pienamente d’accordo con te.

    Ma mi riferivo anche al fatto di utilizzarli all’inzio quando si ha un PageRank Zero, poichè i social bookmarking hanno PageRank più elevato e quindi di conseguenza un articolo segnalato su di essi ovviamente compare molto più in alto nelle serp e nei risultati di ricerca.

    Per il mio Blog inizialmente cosi è stato, mi sono stati di grande aiuto proprio per questo motivo, ma poi una volta che si inizia a guadagnare qualche punto di PageRank ed avere buoni backlink se ne puo fare a meno.

    P.S. anche se non partecipo molto in modo sociale (Commentando) , ti seguo sempre 🙂