Rinnovarsi: questo è il segreto per esplodere nel Web

Questa è la classifica dei siti in lingua inglese più visitati (dati aggiornati a maggio 2005); Yahoo.com, msn.com, google.com, passport.net, ebay.com, microsoft.com, amazon.com, fastclick.com, google.co.uk, aol.com.

Ma cos’hanno in comune l’80% dei siti presenti nell’elenco ?

Presentano quotidianamente ad un numero sempre più elevato di utenti dei contenuti originali, rinnovati ed esclusivi… Naturalmente il livello di questi attori del Web è sicuramente di primo piano, ma la regola si può applicare in scala più ridotta anche agli altri siti presenti sul Net.

Questo sembra essere infatti il vero « segreto » per ottenere visibilità, fama e successo. La regola sostiene che il webmaster ogni giorno (o almeno con frequenza bisettimanale) deve essere in grado di rinnovare, aggiornare e implementare una percentuale del proprio sito.

L’azione di rinnovamento deve coinvolgere in preferenza l’home page, che possiede già naturalmente il page rank più alto, e poi proseguire con l’inserimento di un certo numero di pagine nuove, cui si potrà accedere tramite link dalla stessa home page. I contenuti devono essere preferibilmente ex novo perché gli spider riconoscono e sottovalutano i contenuti già presenti sul Web. A livello generale, infatti, Internet e i suoi meccanismi interni ricercano e premiano sempre la novità e l’originalità.

Grazie al blog un webmaster può aggiungere agevolmente nuovo contenuto alle proprie pagine web, incentivando le visite degli utenti. Infatti, gli spider che individuano la presenza di un blog in costante aggiornamento, ritornano a visitarlo e dunque ad indicizzarlo con maggiore frequenza, a volte anche ogni giorno. Normalmente può trascorre almeno un trimestre prima che uno spider venga ad indicizzare un sito dopo la sua registrazione in un motore di ricerca. Al contrario, se il webmaster lo inserisce in un blog famoso, il sito può essere indicizzato anche in una sola settimana.

Se uno spider sa che un sito si rinnova con un ciclo continuo, verrà a visitarlo anche quotidianamente. Altrimenti, non perderà tempo e passerà solo saltuariamente. In più, sembra che alcuni motori di ricerca diano maggior rilievo ai risultati ottenuti dai blog, forse perché vengono aggiornati dagli utenti Internet con interventi e valutazioni personali invece che da messaggi pubblicitari e contenuti a pagamento, considerati di valore inferiore rispetto a quanto in un altro articolo avevo chiamato proprio “serbatoio di idee, modulabili e multi-tematiche” ossia il blog.

Se ti è stato utile potrebbero interessarti anche: